Trovato morto nelle campagne di Chivasso, a ucciderlo è stata un'overdose di cocaina

È stato scaricato vivo o morto?

Il ritrovamento del cadavere di Andrei Miron Radu

È morto per un'overdose di cocaina Andrei Miron Radu, il 22enne romeno residente a Crescentino (Vercelli) il cui corpo è stato trovato nel pomeriggio di lunedì 2 novembre 2020 nelle campagne di località Baraccone a Chivasso. Lo ha stabilito l'autopsia eseguita oggi, giovedì 5, su incarico del pm Lea Lamonaca della procura di Ivrea, che procede formalmente per il reato di omicidio (anche se ormai è chiaro che non è stato così).

C'è ancora un dubbio su tutta la vicenda: se il ragazzo, che aveva una sfilza di precedenti penali ed era diventato da poco papà, sia stato trovato morto da qualcuno che, chissà per quale ragione, ha deciso di sbarazzarsi del suo cadavere oppure, ipotesi decisamente più inquietante, che sia stato trovato ancora vivo e chi lo ha trovato, anziché chiamare o soccorsi o portarlo in ospedale, abbia deciso di scaricarlo nella campagna lasciandolo morire in quel modo. Per questa ragione l'indagine della procura di Ivrea continua, in quanto potrebbe configurarsi quantomeno il reato di omissione di soccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento