Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Volpiano

Operaio tenta il suicidio: "Voglio essere pagato per il mio lavoro"

Il fatto è accaduto ieri verso le 20.00 a Volpiano. L'operaio è salito sul tetto dell'abitazione del suo datore di lavoro per pretendere il pagamento arretrato

VOLPIANO - Minacciava di lanciarsi nel vuoto per colpa del lavoro: un gesto estremo, questa volta finito con un esito felice. È accaduto ieri a Volpiano: un operaio romeno di 40 anni è salito sul tetto di un’abitazione protestando contro il datore di lavoro, che non lo avrebbe pagato: l’estremo gesto dell’operaio era stato tentato per poter avere i soldi che gli spettavano.

Per mettere in atto la sua protesta è salito sul tetto della casa del suo datore di lavoro, in frazione Cascina Alpi, verso le 20.00 di ieri. Il romeno, in un primo momento, ha rifiutato di far sapere le sue generalità e di scendere dal tetto, ma poi, dopo che i carabinieri sono riusciti a contattare il suo datore di lavoro, l’uomo si è lasciato convincere e, verso le 22.00, accolto dai parenti e dai curiosi che si erano radunati davanti all’abitazione, è sceso con l’aiuto dei vigili del fuoco.

Anche se terminato senza conseguenze, il gesto dell’operaio di Volpiano si inserisce in un quadro che è sempre più drammatico: tre giorni fa, un grossista ortofrutticolo si è suicidato, strozzato dai debiti; ieri un muratore si è impiccato perché rimasto senza lavoro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio tenta il suicidio: "Voglio essere pagato per il mio lavoro"

TorinoToday è in caricamento