rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca

Cassa integrazione agli sgoccioli per i 16 operai Thyssen: l'appello in Prefettura

I 16 operai rimasti alla Thyssen si sono rivolti alla Prefettura per chiedere un rinnovo della cassa integrazione. Mercoledì il tavolo in Regione

Giovedì 30 giugno 2011 scade la cassa integrazione attiva da quattro anni e i 16 lavoratori rimasti alla ThyssenKrupp, in presidio permanente da lunedì 27 giugno davanti a piazza Castello si rivolgono alla Prefettura per chiedere la ricollocazione prevista dagli accordi. Accompagnati dalla Fiom-Cgil, che ha richiesto l'incontro, sono stati ricevuti dal capo di Gabinetto Enrico Ricci.  davanti al dirigente gli operai si sono presentati con una lettera scritta nei giorni scorsi e indirizzata al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Domani presso l'assessorato regionale al Lavoro, i sindacati e i rappresentanti della multinazionale dell'acciaio discuteranno se ci sono le condizioni per concedere ulteriori mesi di cassa integrazione in deroga.

"Mi auguro - ha detto Federico Bellono, segretario generale della Fiom torinese - che l'incontro di domani serva a superare eventuali riserve da parte dell'azienda nel chiedere un ulteriore periodo di cassa integrazione in deroga, allo scopo di facilitare la ricollocazione di tutti i 16 lavoratori come prevedono gli accordi sottoscritti dall'azienda e dalle istituzioni. Sarebbe - ha concluso - un modo dignitoso per chiudere una delle pagine più tragiche della storia recente di Torino".
(ANSA)

THYSSENKRUPP: LA SENTENZA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassa integrazione agli sgoccioli per i 16 operai Thyssen: l'appello in Prefettura

TorinoToday è in caricamento