rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Piossasco / Via del Campetto, 33

Omicidio di Piossasco, architetto ucciso: scarcerato uno dei tre arrestati, non era sulla scena del delitto

Ha prodotto immagini di poche ore prima: era in Campania

Flaogert Syla, 26enne albanese arrestato insieme ad altri due uomini per l'omicidio dell'architetto Roberto Mottura, ucciso in casa a Piossasco la notte dello scorso 9 giugno 2021, è stato scarcerato nella tarda serata di ieri, giovedì 4 novembre 2021, in quanto nei suoi confronti mancano gravi indizi di colpevolezza per il delitto. Il suo avvocato difensore, Fabio Della Corte, è infatti riuscito a dimostrare che quando è avvenuto il delitto lui era rimasto a casa, a Valle di Maddaloni (Caserta): per farlo ha prodotto delle foto che lo ritraggono insieme alla fidanzata poche ore prima dell'accaduto.

È stata la stessa procura di Torino (i pm Marco Sanini e Valentina Sellaroli) a chiederne l'immediato rilascio. Il giovane è finito nell'inchiesta in quanto, dopo l'omicidio, stava utilizzando una sim che gli era stata data da uno degli altri due indagati per l'accaduto e che era stata geolocalizzata a Piossasco la notte del delitto. Il giudice Giulio Corato ha quindi disposto la scarcerazione dal penitenziario di Poggio Reale a Napoli, dove si trovava da oltre un mese. Le indagini proseguono per identificare altri componenti della banda, che sarebbe stata composta da almeno quattro persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Piossasco, architetto ucciso: scarcerato uno dei tre arrestati, non era sulla scena del delitto

TorinoToday è in caricamento