Commercialista ucciso nella sua auto: corpo trovato legato e imbavagliato

Cinque colpi di pistola in testa

La vittima, Luciano Ollino

Un commercialista di 60 anni, Luciano Ollino, di Moncalieri, è stato trovato morto nella tarda serata di ieri, lunedì 8 giugno 2020, all'interno della sua Bmw bianca, legato e imbavagliato, con la testa crivellata da cinque colpi di arma da fuoco, in strada comunale di San Vito di Revigliasco a Torino, al confine con l'area collinare di Moncalieri, a meno di tre minuti dalla villa in cui abitava in strada della Maddalena 102 (video).

Il corpo sul sedile del passeggero

Il corpo dell'uomo è stato trovato sul sedile del passeggero. Sull'accaduto indagano i carabinieri della compagnia di Moncalieri e del nucleo investigativo di Torino. Gli accertamenti sulla macchina da parte dei carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Torino hanno permesso di sequestrare cinque bossoli trovati all'interno dell'auto, che confermano quando rilevato dall'ispezione del cadavere del medico legale. A dare l'allarme è stata la figlia più giovane non vedendolo ritornare. Si era allontanato da casa alle 17. I militari stanno risentendo amici e parenti per ricostruire le ultime ore di vita della vittima e stanno cercando eventuali telecamere presenti in zona. L'inchiesta giudiziaria è coordinata dal pm Ciro Santoriello della procura di Torino.

Aveva due figlie: "Siamo terrorizzate, vogliamo capire"

Luciano Ollino era rimasto vedovo alcuni anni fa e abitava con la figlia 19enne, mentre la figlia maggiore, di 25 anni, vive in Francia ma era tornata da Parigi per rivedere il padre dopo il lockdown. La sera di lunedì entrambe lo aspettavano per una cena con i fidanzati. "Siamo terrorizzate, vogliamo capire": così le ragazze si sarebbero rivolte così a un amico di famiglia, secondo quanto riporta l'agenzia Ansa. "Non riusciamo a credere che abbiano fatto fare una fine tanto terribili a nostro padre, non sappiamo nulla", si sarebbero limitate a dire le due ragazze all'amico. Luciano Ollino era il cognato di Marino Briccarello, attuale presidente della Pro loco di Revigliasco. La moglie Mariateresa faceva parte infatti della famiglia storica della borgata collinare moncalierese.

Il sindaco: "Siamo increduli, omicidio agghiacciante"

Il sindaco di Moncalieri Paolo Montagna, saputa la notizia dell'omicidio del suo concittadino, è intervenuto:

"Siamo sotto choc e siamo increduli. Una tragedia che lascia senza parole tutta la nostra comunità. Siamo vicini alle due figlie duramente toccate da un altro tremendo lutto dopo la scomparsa della mamma avvenuta pochi anni fa. Non conosciamo ovviamente il contorno della vicenda che ci invita alla cautela e al rispetto. L'omicidio è avvenuto con modalità agghiaccianti, degno di Gomorra. Auspico che le forze dell'ordine e la magistratura facciano chiarezza in fretta. Oggi è il tempo del rispetto e del dolore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento