rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Via Sempione, 40

Omicidio a Torino Barriera di Milano: la vittima aveva appena accompagnato a casa una donna, ucciso appena risalito in auto

Pista sentimentale è quella privilegiata

La morte di Massimo Melis, il 52enne operatore della Croce Verde di Torino il cui corpo è stato trovato nel pomeriggio di ieri, lunedì 1 novembre 2021, all'interno della sua Fiat Punto parcheggiata in via Gottardo, è sicuramente un omicidio consumato a sangue freddo nella tarda sera precedente, appena lui era salito a bordo del veicolo. Il killer lo ha sorpreso prima che mettesse in moto e lo ha freddato con un solo colpo in testa. Poco prima l'uomo aveva cenato con una donna, con cui ha una relazione complicata, e l'aveva riaccompagnata a casa proprio lì davanti.

Proprio il fatto che l'assassino sapesse dove trovarlo è un elemento forte in mano agli investigatori della squadra mobile, coordinati nelle indagini dal pm Chiara Canepa: l'omicidio potrebbe essere legato in qualche modo proprio alla relazione sentimentale della vittima, che qualcuno evidentemente avrebbe mal sopportato. Quella sentimentale è naturalmente la pista privilegiata, ma non se ne escludono altre, con l'eccezione di quella della rapina finita male, visto che addosso all'uomo sono stati trovati sia il portafogli che il telefono cellulare. Melis non si era mai sposato e viveva ancora con la mamma Rosaria, pensionata, in un appartamento di via Desana, non lontano dal luogo dell'assassinio.

I ricordi sui social di chi lo conosceva

"La tua autoironia era uno dei tuoi tanti pregi. Quante risate insieme. Spero che giustizia sia fatta perchè proprio non ti meritavi questo".

"A volte capita l’ inaspettato , si a volte capita di ricevere quel messaggio che mai e poi mai ti saresti aspettato di ricevere. Ed è li che ti chiedi il perché Dio si porta con se sempre i più buoni, ti domandi il perché essi devono andare via, ti domandi cosa c’è di sbagliato ad essere un ottima persona se poi tutto ciò che sei svanisce in un niente? Beh, non avremo mai le risposte... Certo è, che non dimenticheremo mai il buono che queste persone hanno saputo offrirci. Non dimenticheremo mai le risate ed i momenti di follia con queste persone. No non ti dimenticheremo! Max rimarrà con noi , fingeremo che non sei mai andato via!  Personalmente, mancheranno quelle notti, dove tu volevi riposare ed io impazzivo nel cercare un locale dove mangiare. Mancheranno i tuoi video in veste da bella modella dove ad ogni post vi era un mio commento di apprezzamenti, mancherai tu con il tuo disagio che sapeva sempre farmi ridere! Un ottima compagnia che non si dimenticherà!".

"Io sono sconcertato. Ma quante volte ci ho fatto due chiacchere in pronto piuttosto che su un servizio. E anche se non ci ho mai lavorato insieme mi ha comunque sempre dato l'impressione di essere una di quelle persone semplici e buone. Rip".

"Non ci posso credere che sia successo, tu ragazzo buonissimo e dolcissimo. Non mi darò pace fino a quando giustizia sarà fatta. Un altra bellissima stella in cielo".

Le altre notizie su TorinoToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio a Torino Barriera di Milano: la vittima aveva appena accompagnato a casa una donna, ucciso appena risalito in auto

TorinoToday è in caricamento