Geometra ucciso a fucilate durante un sopralluogo: pensionato-killer condannato a 30 anni

Accolta la richiesta dell'accusa

I carabinieri davanti alla casa dove avvenne l'omicidio

A un anno dal terribile delitto in cui, il 9 novembre 2018, rimase ucciso il 44enne geometra rivolese (con studio a Grugliasco) Marco Massano, nel corso di un sopralluogo per conto del tribunale di Asti, oggi, lunedì 18 novembre 2019, il giudice Francesca Di Naro dello stesso tribunale ha condannato a 30 anni di reclusione Dario Cellino, pensionato 92enne che lo ammazzò senza pietà a fucilate in via Asti 20 a Portacomaro (Asti) poiché non voleva che gli fosse pignorata la casa.

La sentenza ha accolto le richieste del pm Giorgio Nicola, che aveva chiesto appunto una condanna a 30 anni. "Non restituirà il loro caro ai familiari - commenta l'avvocato Alberto Bazzano, che ha rappresentato la famiglia Massano nel procedimento, svoltosi con rito abbreviato - ma almeno c'è il sollievo, in loro, che giustizia sia stata fatta. Il giudice non ha concesso neppure le attenuanti generiche dovute all'età, vista la gravità del fatto commesso".

L'imputato è stato difeso dall'avvocato Sabrina Zeglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento