Uccise a coltellate un connazionale, 14 anni di reclusione

E' arrivata la condanna per l'omicidio di Jonatan Davila Rios, ragazzo di 17 anni ucciso a coltellate il 20 dicembre 2010. Quattordici anni di reclusione per un ventitreenne peruviano

Il 20 dicembre 2010 il 17enne Jonatan Davila Rios venne accoltellato a morte all'uscita di una discoteca torinese. Oggi è stato riconosciuto responsabile dell'omicidio volontario e condannato a 14 anni e mezzo di reclusione. Si tratta del ventitreenne peruviano Miguel R.

Nel processo con rito abbreviato conclusosi oggi, il gup Sandra Recchione ha condannato a sei anni e otto mesi per concorso anomalo in omicidio anche un altro ragazzo di 28 anni, Juan C., anche lui peruviano, che portò all'omicida il coltello che aveva dimenticato da un amico.

Altre due persone sono state condannate per rissa e favoreggiamento. Due persone coinvolte nella rissa hanno scelto il dibattimento, mentre un settimo imputato è deceduto per un incidente durante il processo. L'accusa è stata sostenuta dal pm Antonio Malagnino. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

Torna su
TorinoToday è in caricamento