Uccisa a colpi di mazza da baseball: condanna all'ergastolo per il nipote

Lui si dice innocente

Tomas Scancarello, condannato all'ergastolo oggi

Tomas Scancarello, 43 anni, è stato condannato all'ergastolo dalla Corte d'assise per l'omicidio della zia, Giuseppina Addante, colpita ripetutamente con una mazza da baseball il 30 aprile 2019 nel suo appartamento di corso Giulio Cesare 97 bis.

La sentenza è stata pronunciata oggi, lunedì 20 aprile 2020, dalla Corte d'assise di Torino presieduta dal giudice Alessandra Salvadori.

Secondo le indagini della squadra mobile di Torino, coordinate dal pm Roberto Furlan cha ha sostenuto l'accusa nel corso del processo e che aveva chiesto appunto l'ergastolo in sede di requisitoria, si era trattato di un omicidio a scopo di rapina, verosimilmente per ottenere il denaro necessario all'acquisto di droga. La donna, 86enne, era morta dopo un mese di ricovero all'ospedale Giovanni Bosco.

Scancarello si è sempre professato innocente. Il suo avvocato, Silvia Alvares, aveva chiesto l'assoluzione per insufficienza di prove.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

Torna su
TorinoToday è in caricamento