Cronaca Aurora / Via Chivasso

Uccise connazionale con un machete: condannato a 30 anni

Aveva mutilato ed ucciso con un machete il ventuduenne Gheorghe Cimpoesu nella notte del 29 settembre 2011. La condanna, richiesta dal pm Francesco Pelosi, è di 30 anni

E' stato condannato a 30 anni di reclusione per omicidio volontario premeditato, con l'aggravante della crudeltà, come da richiesta del pm Francesco Pelosi. Il romeno David A., 20 anni, era accusato di aver ucciso a colpi di machete, a Torino, il connazionale Gheorghe Cimpoesu, 22 anni.

Il tragico avvenimento era accaduto in via Chivasso, nel quartiere Aurora, la sera del 29 settembre 2011. Causa scatenante del raptus omicida era stato probabilmente un diverbio, che aveva portato David A. ad inseguire la vittima per circa quaranta metri, per poi colpire il ventiduenne con dieci colpi potenzialmente mortali. Nel corso dell'aggressione, avvenuta davanti a decine di persone, alla vittima fu amputata la mano destra e tagliato un pezzo di un braccio. L'arma del delitto era stata ritrovata da un passante sulle sponde della Dora.

(ANSA)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise connazionale con un machete: condannato a 30 anni

TorinoToday è in caricamento