Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Omicidio a Borghetto di Borbera, strangola il marito in casa: "Picchiava me e mio figlio, ero stanca"

È stata lei stessa chiamare i carabinieri

Immagine di repertorio

Agostina Barbieri, 60enne di Borghetto di Borbera (Alessandria), ha ucciso il marito Luciano Giacobone, 64 anni, strangolandolo nel pomeriggio di ieri, domenica 11 luglio 2021, e poi ha chiamato i carabinieri. Sul posto sono intervenuti i militari della compagnia di Novi Ligure che l'hanno arrestata e trasportata nel carcere di Torino Vallette. La donna adesso è difesa dagli avvocati Franco e Silvia Natili.

La donna ha detto di avere assassinato il marito, un camionista in pensione con cui stava da una quarantina di anni, dopo averlo sedato, spiegando di essere stanca delle continue violenze e maltrattamenti subiti nel corso degli anni da lei e dal figlio 27enne, che non era in casa al momento dell'accaduto.

Nel primo pomeriggio, prima dell'omicidio, la vittima si era recata all'ospedale di Alessandria per farsi medicare in seguito a una lite con la consorte, ma poi era tornata a casa. Tra moglie e marito (e anche figlio, in questo caso presente in casa), erano volati colpi e anche bottigliate, una delle quali aveva ferito l'uomo a un orecchio. Quest'ultimo era tornato a casa scrivendo al figlio di fare le valigie e andarsene.

La procura di Alessandria ha disposto l'autopsia sul corpo di Giacobone, su cui comunque erano evidenti i segni di strangolamento già dal primo esame medico legale. Barbieri ha raccontato di avere ucciso il marito utilizzando dei lacci da scarpe.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio a Borghetto di Borbera, strangola il marito in casa: "Picchiava me e mio figlio, ero stanca"

TorinoToday è in caricamento