Cronaca

Uccise il vicino di casa durante una lite per il parcheggio, condannato a 30 anni

Rischiò di colpire anche la moglie

Stefano Barotto, condannato all'ergastolo

La corte d'assise di Torino ha condannato a 30 anni di recluione, Stefano Barotto, muratore 70enne ritenuto responsabile dell'omicidio di Assuntino Mirai, pensionato 66enne di Castiglione Torinese ucciso a colpi di fucile il 18 ottobre 2019 nei boschi di borgata Mercateria a Pinasca, nella zona del colle del Crò, dove aveva una seconda casa vicina a quella del suo assassino. L'uomo, che aveva agito in seguito a una lite per un parcheggio, era stato arrestato dai carabinieri il giorno successivo.

Barotto aveva anche rischiato di uccidere la moglie di Mirai, che si è costituita parte civile nel processo rappresentata dall'avvocato Cristian Scaramozzino. L'accusa è stata tenuta dal pm Rossella Salvati, che ha coordinato le indagini, che aveva invece chiesto l'ergastolo con isolamento diurno per i primi sei mesi. I giudici togati e popolari hanno però cancellato l'aggravante dei futili motivi, facendo ridurre di conseguenza la condanna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise il vicino di casa durante una lite per il parcheggio, condannato a 30 anni

TorinoToday è in caricamento