rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Olimpiadi Torino 2006, chiesti 2,4 milioni ad ex amministratori Agenzia

La procura della Corte dei Conti contesta un appalto "superfluo". Arcidiacono si difende

Due milioni e 400mila euro.

E' la contestazione di danno erariale mossa dalla procura della Corte dei Conti di Torino a una decina di ex amministratori dell'Agenzia Torino 2006, organizzatrice delle Olimpiadi invernali.

Tra questi c'è anche l'ex direttore Domenico Arcidiacono.

Sono indagati, dal punto di vista contabile, a causa di un maxi-contratto affidato a esperti esterni per il project control della realizzazione delle opere olimpiche.

Secondo il procuratore Giancarlo Astegiano, quell'affidamento costituì una sorta di doppione in quanto nell'Agenzia vi sarebbero stati i professionisti necessari all'incarico e quindi quella spesa sarebbe stata superflua.

Arcidiacono ha sempre ribattuto alle accuse sostenendo che il contributo dei professionisti incaricati era stato "fondamentale".

La sentenza verrà depositata a settembre.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olimpiadi Torino 2006, chiesti 2,4 milioni ad ex amministratori Agenzia

TorinoToday è in caricamento