Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Filadelfia / Via Giordano Bruno, 209

I profughi occupano l'ultima palazzina: sono padroni dell'ex villaggio olimpico

I profughi hanno occupato la quarta palazzina dell'ex villaggio olimpico. Cantore (Pdl): "Serve un censimento". Maurizio Marrone (Fdi) "L'ex Moi rischia di diventare il più grande Cie d'Italia"

Era facilmente immaginabile: è stata occupata anche l’ultima palazzina. I profughi che da mesi sono “proprietari” dell’area ex olimpica di Torino hanno semplicemente forzato la porta d’ingresso e sono entrati nell’ultima serie di appartamenti ancora vuoti. Adesso, le palazzine occupate del Moi sono quattro. Molti, molti di più – si parla di qualche centinaio – i profughi. Era quasi scontato, dunque, che anche l’ultimo edificio venisse occupato.

La convivenza con chi al Moi ci vive e ci lavora non è proprio facilissima. I residenti parlano di schiamazzi notturni, di ragazze importunate, di azioni di disturbo piccolo o grande commesso dagli africani (ad esempio, per bagnare il loro orto usano l’acqua della rete antincendio). La loro paura è che le occupazioni non si fermino qui, che continuino interessando magari la residenza universitaria o le case di civile abitazione.

La situazione starebbe facilmente sfuggendo di mano, secondo i residenti e secondo Andrea Cantore (Pdl), vicepresidente della consulta per la sicurezza della Circoscrizione Nove: “Non nascondiamoci dietro la storia dell’emergenza umanitaria – afferma Cantore – e basta con la solita storia della sinistra che si occupa dei problemi sociali: qui alle palazzine olimpiche c’è la dimostrazione che se ne sono lavati le mani”. Cantore chiede un censimento degli occupanti, per sapere chi è effettivamente un profugo e chi no; già a suo tempo il Pdl della Circoscrizione Nove aveva richiesto un presidio fisso delle forze dell’ordine all’ex Moi.

“Il problema del nuovo ghetto creato all'ex Villaggio Olimpico con l'occupazione delle centinaia di immigrati non e' solo capire quanti siano titolari o meno dello status di rifugiati, ma capire quale sarà il destino deciso dal Governo per i titolari dei permessi di soggiorno umanitari legati all'emergenza Nord Africa, in scadenza con la fine del 2013: insomma a tra pochi mesi tutti gli occupanti saranno comunque clandestini e l'ex Moi paradossalmente diventerà il più grande Cie d'Italia”, specifica Maurizio Marrone, Capogruppo di Fratelli d'Italia in Comune di Torino, che ha annunciato di voler presentare un’interpellanza. “Ora che tutte le palazzine sfitte del Villaggio Olimpico sono state occupate e continua la chiamata a raccolta a Torino di tutti i profughi delle "primavere arabe" con il passaparola è facile intuire cosa accadrà: le occupazioni continueranno nelle palazzine già adibite ad abitazioni residenziali o a collegio universitario e la polveriera di tensione sociale, già alimentata dai reciproci odi etnici tra profughi, scoppierà estendendosi alla cittadinanza del quartiere”.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I profughi occupano l'ultima palazzina: sono padroni dell'ex villaggio olimpico

TorinoToday è in caricamento