menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La città in balia delle occupazioni abusive. L'ultima in corso Principe Oddone

Al fuoco hanno risposto con il fuoco. Gli antagonisti hanno conquistato un altro palazzo, questo affittato ad una Cooperativa sociale. E il numero di occupazioni, ora, preoccupa tutta la città

Ad ogni sgombero un’altra occupazione. Lo avevano promesso in tempi non sospetti e ieri lo hanno ribadito facendo parlare i fatti. A seguito dei tre sgomberi di martedì gli anarchici sono tornati ad occupare un altro stabile, questa volta in corso Principe Oddone a due passi da piazza Baldissera. Una zona in piena riqualificazione con i lavori del passante ferroviario in corso da alcuni anni. La palazzina di due piani è diventata di proprietà degli antagonisti all’alba di ieri quando un gruppetto – come accade sempre in questi casi - ha forzato la serratura prima di srotolare da uno dei balconi un nuovo striscione polemico “Contro sfratti e sgomberi occupiamo”. La palazzina non era abbandonata, ma regolarmente affittata alla Cooperativa Sociale Quadrifoglio di Pinerolo che, nelle ore diurne, si occupa di servizi socio assistenziali per disabili gravi.

A decine hanno poi presidiato strada e marciapiedi mostrando altri striscioni contro le forze dell’ordine e le istituzioni. Un terremoto nel cuore del borgo Valdocco che i residenti manderanno giù mal volentieri. In zona, infatti, c’è già un’altra casa occupata. Quella di via Biella, una palazzina di due piani proprietà di privati. Gli antagonisti, sempre ieri, si sono vantati della loro opera anche tramite social network e siti internet. “Avevano appena sgomberato tre stabili – spiega una signora –. Uno in Barriera di Milano e due in via Foggia. Ora siamo di nuovo da punto a capo. Non ne usciremo mai da questo problema”.

Ma tra le circoscrizioni Sei e Sette i problemi relativi ai presidi squatter sono ancora tanti. In zona Rebaudengo è ancora presente il fortino dell’ex Dazio, ex sede dei vigili urbani, mentre in Barriera si segnala la casa occupata di via Soana. In Aurora oltre alla già citata via Soana resta da risolvere il caso della palazzina di via Borgo Dora e quello dell’ex magazzino di corso Palermo angolo via Modena. “E’ un grave problema di ordine pubblico – spiegano Maurizio Marrone di FdI -. Le forze dell’ordine devono rispondere subito con lo sgombero“. Più critica la situazione a borgo San Paolo, feudo del centro sociale Gabrio.

Al momento, tra le altre, risultano occupate le palazzine di via Monginevro, via Revello – la casa bianca – e via Muriaglio.  “L’ottimo lavoro di via Foggia non può comunque farci dormire sonni tranquilli – chiosa Franco Poerio del Pdl -. Fino a che ci sarà una sola casa occupata dovremo tirarci su le maniche e combattere contro questi signori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento