Il via libera dalla Giunta per un nuovo polo universitario torinese

Se anche il Consiglio sarà d'accordo, si darà il via alla riqualificazione dell'ex Manifattura Tabacchi e dell'ex Fimit: il 40% dell'area è destinato all'Università

Palazzo Nuovo, una delle sedi universitarie torinesi

Disco verde della Giunta alla delibera con gli indirizzi per la rimodulazione delle destinazioni d'uso e l'avvio delle procedure per la riqualificazione delle aree ex Manifattura Tabacchi ed ex stabilimento Fimit. Il provvedimento presentato in settimana dagli assessori Passoni e Lorusso - preso all'esame in Consiglio comunale per l'approvazione definitiva - è necessario per il progetto che vedrà la creazione di servizi e residenze per studenti universitari, strutture di housing sociale e altre realizzazioni compatibili con la destinazione dell'ex area industriale a polo universitario.

Una volta ottenuto il via libera dal Consiglio comunale e adottata la nuova variante urbanistica, il Demanio individerà un fondo d'investimento immobiliare a cui saranno conferiti i compendi Manifattura Tabacchi, bene demaniale, ed ex Fimit, di proprietà della Città di Torino. "Questo atto - ha sottolineato Passoni, assessore al Patrimonio - oltre a confermare la vocazione prevalentemente universitaria del complesso, ci consente di attuare gli accordi tra Città e Demanio sul futuro dell'area e di fare un grande passo verso la riqualificazione del quartiere Regio Parco":

E' prevista la destinazione a istruzione universitaria e relativi servizi per almeno il 40% delle superfici complessive, con la realizzazione di spazi e strutture per residenze universitarie, attività didattiche, espositive e altre comunque funzionali all'ateneo torinese, oltre alla costruzione di impianti sportivi nell'ex stabilimento Fimit per la Scuola Universitaria Interfacoltà di Scienze Motorie. Il restante 60% è destinato ad housing sociale, residenze private, uffici e spazi commerciali. Ogni intervento che verrà effettuato, dovrà essere compatibile con le caratteristiche architettoniche degli immobili e sarà subordinato ai pareri delle Soprintendenze per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Piemonte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

Torna su
TorinoToday è in caricamento