Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Santena

Nuova ordinanza di custodia cautelare per Vincenzo D'Alcalà

Al centro dell'inchiesta, nell'ambito dell'operazione contro la 'ndrangheta denominata "Scacco al re", episodi di estorsione e usura ai danni di commercianti della zona di Santena

Questa mattina, la squadra mobile della Polizia di Torino ha eseguito una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip su richiesta della Procura della Repubblica a carico di Vincenzo D'Alcalà, nell'ambito del contesto 'ndranghetista del territorio di Santena, poichè accusato dei reati di usura ed estorsione, consumati in pregiudizio di un imprenditore e un commerciante.

I due infatti, hanno risposto all'appello lanciato lo scorso mese di luglio, quando D'Alcalà fu tratto in arresto, con altri tre soggetti, a seguito degli sviluppi delle indagini relative all'omicidio del consigliere comunale Alberto Musy.

In quella occasione a D'Alcalà e i suoi complici - tra cui Francesco Furchì e Massimiliano Celico - erano state contestate ipotesi di estorsione in relazione alla vicenda di "Arenaways" e rapina. Il commerciante e l'imprenditore che si erano rivolti a lui per un prestito, hanno denunciato D'Alcalà per usura ed estorsione. Al momento sono due le vittime accertate ma gli inquirenti ritengono che ve ne possano essere altre.



 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova ordinanza di custodia cautelare per Vincenzo D'Alcalà

TorinoToday è in caricamento