Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Nucleare, cinque comuni dicono no al deposito delle scorie

Tramite delibere i comuni di Crescentino, Verolengo, Torrazza Piemonte, Cigliano e Verrua Savoia chiedono l'immediata verifica delle legittimità della decisione di costruire il nuovo deposito di scorie nucleare a Saluggia

I Comuni nei pressi di Saluggia in questi giorni stanno manifestando la loro opposizione alla costruzione del deposito D2 di scorie nucleari. In particolare i Comuni di Crescentino, Verolengo, Torrazza Piemonte, Cigliano e Verrua Savoia hanno espresso la propria contrarietà attraverso delibere o pareri inviati al sindaco di Saluggia, al presidente della Provincia di Vercelli, al governatore del Piemonte, ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente e a Sogin, Ispra, Segretario Generale della Commissione Europea e, non ultimo, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Immediata verifica della legittimità delle decisioni di Saluggia, questa la richiesta dei cinque Comuni che si dichiarano pronti a opporsi con ogni mezzo consentito dalle leggi. Sempre oggi le Rsu del complesso Sorin si sono dette molto preoccupate per la costruzione del deposito e hanno annunciato una raccolta di firme.


(ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nucleare, cinque comuni dicono no al deposito delle scorie

TorinoToday è in caricamento