menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quindici roulotte occupano un parcheggio "Il nostro giardino sembra un campo rom"

I residenti non riescono più a trovare un posto dove lasciar l'auto. E tutto a causa dell'incredibile numero di roulotte presenti sotto le loro case

Bottiglie sull’erba e vicino alle panchine, altalene e scivoli inutilizzabili. Nel giardino di via Saint Bon incuria e vandalismo sono diventati all’ordine del giorno. La massiccia presenza degli ubriaconi e delle roulotte, a quasi tutte le ore del giorno, ha trasformato l’area verde tra le ex Grandi Motori e il trincerone ferroviario in un dormitorio a cielo aperto dove risse e danneggiamenti del patrimonio vanno ormai per la maggiore.

Ogni sera gruppi di beoni non perdono occasione per sfidarsi a colpi di cubetti di porfido e bottiglie di birra. E qualcuno non si fa nemmeno problemi ad usare i pali in legno e in ferro, un’arma in più con cui affrontarsi a viso aperto, con cui regolare i conti. I parcheggi, inoltre, sono completamente inutilizzabili perché occupati da numerose roulotte. “Addirittura quindici” accusa un passante. E le foto, ancora una volta, parlano chiaro e mostrano la nuda e cruda realtà dei fatti.

“Alla mattina non ci si può nemmeno sedere sulle panchine – racconta un residente indicando i pintoni e i bicchieri ancora pieni di vino -. Noi viviamo nella paura. I controlli non sono sufficienti e i soliti incivili fanno il bello e il cattivo tempo. A pagare siamo sempre noi cittadini che non possono neanche affacciarci al balcone per il timore di subire intimidazioni”.

Altro problema sono proprio gli schiamazzi notturni che non fanno mai dormire sonni tranquilli ai residenti. Senza contare quei materassi dove gli ubriachi, ormai pieni d’alcool, si tuffano ogni volta che le gambe smettono di reggere. Immagini imbarazzanti e non certo rare da queste parti, in un giardino che sembra quasi un campo nomadi.

“Ma queste sono le scene a cui devono assistere i nostri figli? – si domanda il capogruppo di FdI della circoscrizione Sette Patrizia Alessi -. Presenterò un’altra interpellanza utilizzando le foto dei cittadini, nella speranza che il Comune si renda conto di quanto in basso è sprofondato questo quartiere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento