Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca Susa

No Tav a Susa: gli attivisti comprano i terreni da espropriare

A Susa è andata in scena la quarta edizione dell'iniziativa 'Compro un posto in prima fila'. In quasi 1.200 hanno fatto l'atto per diventare proprietari dei terreni che dovranno essere espropriati

La domenica appena passata è stata denominata come la giornata del "Compro un posto in prima fila". A Susa infatti quasi 1.200 attivisti del movimento No Tav hanno sottoscritto l'atto per diventare proprietari dei terreni che dovranno essere espropriati per costruire la stazione internazionale di Susa della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione.

L'iniziativa di ieri è arrivata alla sua quarta edizione. Per il movimento è stato "un ottimo risultato", si legge sul sito internet notav.info. "Una giornata No Tav delle migliori - commenta il sito - e come molte altre volte la neve ha dato il suo tocco magico con una coreografia alpina di tutto rispetto". (Ansa)
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav a Susa: gli attivisti comprano i terreni da espropriare

TorinoToday è in caricamento