rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca San Didero

No Tav, pietre e bombe carta contro il cantiere nella notte: ferito un carabiniere

I manifestanti sono stati respinti a più riprese con idranti e lacrimogeni

Oggi, mercoledì 8 dicembre, ricorre il 16° anniversario degli scontri a Venaus nel cantiere del primo progetto poi modificato, della Torino-Lione e da Borgone di Susa a San Didero, si sta svolgendo, sotto la neve, una marcia No Tav a cui partecipano anche gli amministratori pubblici. Le tensioni però ci sono già state la scorsa notte al cantiere di San Didero. Un centinaio di No Tav appartenenti all'ala più oltranzista del movimento, secondo gli investigatori coordinati da Askatasuna, centro sociale torinese, si è scatenato attorno alle 22.30 di martedì 7 dicembre, lanciando pietre, bombe carta e razzi contro le forze dell'ordine sul posto.

Un carabiniere, colpito da una pietra durante l'assalto - che è durato circa un'ora -, è rimasto lievemente ferito a un fianco: la sua prognosi è di sette giorni. I manifestanti che, suddivisi in due gruppi hanno attaccato il cantiere su due lati, dalla cava e verso l'autostrada, sono stati respinti a più riprese con idranti e lacrimogeni. Al momento la Digos di Torino è al lavoro per individuare i responsabili dell'assalto. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav, pietre e bombe carta contro il cantiere nella notte: ferito un carabiniere

TorinoToday è in caricamento