rotate-mobile
Cronaca Chiomonte

No Tav, continua il presidio alla Maddalena: "Non ci ruberanno il futuro"

La Filca Cisl ha manifestato a Susa in segno di solidarietà con i lavoratori aggrediti la scorsa settimana. Al presidio di Chiomonte continua la protesta dei No Tav: "C'è bisogno di tutti"

Se il fronte dei No Tav continua compatto ad opporsi all'apertura dei cantieri, qualche centinaio di persone è sceso in piazza peresprimere solidarietà agli operai delle aziende che in teoria lavoreranno a Chiomonte. La Filca Cisl ha manifestato in segno di solidarietà con i lavoratori aggrediti la settimana scorsa in Valle di Susa all'arrivo al cantiere della nuova Torino-Lione ferroviaria. Circa 200 persone, giunte anche da Lombardia, Veneto, Toscana, Liguria ed Emilia-Romagna, hanno partecipato, sotto una pioggia battente, al presidio allestito dagli edili della Cisl nel centro storico.

L'iniziativa si è svolta senza incidenti, ignorata dal movimento No Tav
che da giorni è radunato dieci chilometri più a monte, al presidio di Chiomonte. "Chiediamo ai No Tav - ha detto Antonio Castaldo, segretario generale della Filca di Torino - di non disperdere energie in lotte su obiettivi sbagliati, ma di unirsi a noi nella lotta per la sicurezza e la legalità. Dobbiamo tutti vigilare - ha aggiunto - affinché negli appalti e nei subappalti ci siano solo imprese serie". Al breve comizio ha parlato anche uno dei lavoratori aggrediti a Chiomonte, Alessandro Paieta: "Quello che è successo la scorsa notte non deve piu" accadere. E se non partono i lavori della Torino-Lione centinaia di persone dovranno emigrare in Francia, Svizzera, Germania o chissà dove a cercare lavoro".

Manifestazione Tav Susa (Foto di Filca-Cisl)



Al presidio di Chiomonte continua la protesta dei No Tav.
Ogni giorno alla Maddalena è sempre più lungo, perché è forte il timore di essere sgomberati dalla forze dell'ordine. Se non inizieranno a breve i lavori (ma forse a quanto si apprende il termine di fine maggio non è tassativo) c'è il concreto rischio di dire addio ai fondi comunitari. Sul sito www.notav.eu i No Tav lanciano un appello a tutti coloro che sostengono la lora pacifica lotta: "Non possiamo pensare di delegare ad altri il futuro. Il futuro siamo noi alla Maddalena, calmi e determinati, consci e responsabili. C'è bisogno di tutti. Salendo (al presidio, ndr) non dimentichiamo di portare, ognuno, qualcosa da mangiare per se e se possibile per gli altri che già sono saliti. Stiamo uniti alla Maddalena, non ci ruberanno il futuro, non lo permetteremo".

NO TAV, STORIA DEL MOVIMENTO DAL 2005 AL 2011

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav, continua il presidio alla Maddalena: "Non ci ruberanno il futuro"

TorinoToday è in caricamento