No Tav: settimo giorno di proteste. Oggi "polentata" a Giaglione

I manifestanti No Tav dopo i due cortei organizzati nella giornata di ieri si ritroveranno quest'oggi a Giaglione per una iniziativa a sfondo gastronomico. A seguire "passeggiata" verso la Val Clarea

E' passata tranquilla la notte in Val Susa. Le iniziative No Tav ricominceranno questo pomeriggio, quando gli attivisti e i simpatizzanti si ritroveranno in provincia di Torino, a Giaglione, per una giornata all'insegna della polenta. In seguito è stata organizzata un "passeggiata" - per usare una definizione del movimento - verso la Val Clarea, nel luogo in cui ci sono le recinzioni che delimitano il cantiere in cui è previsto lo scavo del tunnel preparatorio della ferrovia ad alta velocità.

"Il governo Monti ci ha messo tre ore per ripetere quello che avevano detto in vent'anni tutti i governi che lo hanno preceduto. Noi in tre ore di assemblea abbiamo lanciato un programma di nuove iniziative all'Italia intera. E tutti ci stanno seguendo". Queste erano state le parole di un giovane portavoce dei No Tav, Francesco, nell'annunciare che le iniziative dopo le dichiarazioni del Capo del Governo non sarebbero mancate e che in tutta Italia gli attivisti si sarebbero mobilitati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



Ieri, a Bussoleno, la cittadina della Bassa Valle in cui batte il cuore dei No Tav, quasi mille persone si sono raccolte per poi suddividersi in due gruppi. Il primo, in corteo, si è diretto a piedi verso la vicina Chianocco, dove ha occupato la rampa di accesso all'autostrada teatro dei violentissimi scontri di mercoledì scorso tra le forze dell'ordine e gli attivisti che avevano bloccato la carreggiata con le barricate: i manifestanti hanno rimosso pesanti 'betafence' collocati all'ingresso della carreggiata per scongiurare nuove intrusioni. I componenti del secondo gruppo, sulle loro auto, hanno raggiunto il casello di Avigliana, dove hanno inscenato l'altra dimostrazione. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento