No Tav, obbligo di dimora per Nicoletta Dosio: "Ma non lo rispetterò"

Deciso l'aggravamento della misura cautelare disposta un mese fa e disattesa

Obbligo di dimora a Bussoleno con obbligo di restare in casa tra le 18 e le 8 del mattino successivo per Nicoletta Dosio, leader del movimento No Tav per cui era già stato disposto, a fine giugno, l'obbligo di firma, che lei ha deciso di non rispettare. 

L'aggravamento della misura cautelare è stato disposto dal gip Agostino Pasquariello, ma lei ha già annunciato che non lo rispetterà.

Il procedimento penale si riferisce alle tensioni vicino al cantiere della ferrovia Torino-Lione, a Chiomonte, in occasione della manifestazione del 28 giugno 2015.

“Non accetto di far atto di sudditanza con la firma quotidiana, non accetterò di trasformare i luoghi della mia vita in obbligo di residenza né la mia casa in prigione; non sarò la carceriera di me stessa", aveva detto Dosio una volta raggiunta dall'obbligo di firma.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento