Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

No Tav: "No alla scarcerazione perché avrebbero ripetuto i reati"

Il Tribunale del riesame di Torino ha motivato la sentenza con cui ha negato la scarcerazione di due attivisti No Tav sottolineando "una spiccata propensione a trasgredire comandi normativamente imposti dall'autorità"

Il tribunale del riesame di Torino ha motivato la sentenza di respingimento di scarcerazione per i due attivisti No Tav arrestati lo scorso 26 gennaio. Secondo i giudici, Luca C. di 38 anni e Giorgio R. di 50 anni hanno "una spiccata propensione a trasgredire comandi normativamente imposti e le prescrizioni dell'autorità, con serio pericolo che i medesimi, ove sottoposti a regime coercitivo di minor rigore, violino gli obblighi e le prescrizioni ad esso inerenti e adottino iniziative di natura francamente sediziosa, della stessa natura di quelle che hanno presieduto alla perpetrazione delle condotte delittuose per cui si procede".


Per i due - si legge ancora - il carcere è "il minimo presidio idoneo a fronteggiare le consistenti e impellenti esigenze cautelari" dovute non solo alle "condotte delittuose" e ai "profili di pericolosità" dei due indagati, ma soprattutto alla "refrattarietà mostrata da entrambi rispetto alle pregresse esperienze giudiziarie in cui risultano entrambi essere stati coinvolti anche in epoca recente". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav: "No alla scarcerazione perché avrebbero ripetuto i reati"

TorinoToday è in caricamento