No Tav, a Chiomonte notte di guerriglia: chiusa per ore la A32

Per due ore disordini nei pressi del cantiere. Circa 200 i manifestanti. Sei feriti tra le forze dell'ordine. In mattinata perquisizioni della Digos

Immagine di repertorio

Un'altra notte tutt'altro che tranquilla al cantiere di Chiomonte. E' di 6 feriti fra le forze dell'ordine il bilancio delle due ore di "guerriglia" (così la definisce la Questura) alla quale hanno dato vita, nel corso della notte, circa 200 manifestanti che hanno protestato davanti al cantiere. I feriti sono un dirigente e tre agenti di Polizia, un maresciallo dei Carabinieri e un agente della Guardia di finanza, colpito a un piede da una bomba carta e trasportato in ospedale.

DISORDINI - Contro le forze dell'ordine, aderenti all'area antagonista, di matrice autonoma e anarchica, la maggior parte dei quali con il viso coperto, indossando caschi e maschere antigas - ha riferito la Questura di Torino - hanno lanciato pietre, biglie metalliche, bulloni, petardi, bombe carta, fumogeni e fuochi d'artificio. La Polizia ha risposto con getti d'acqua degli idranti e lanco di lacrimogeni.

CHIUSA L'AUTOSTRADA - L'autostrada A32 Torino-Bardonecchia è rimasta chiusa per alcune ore, per riaprire poi al traffico intorno alle 3, al termine delle operazione di bonifica e la rimozione di pietre e altri oggetti dalla carreggiata. Il cantiere della Tav è stato attaccato da due lati: l'area archeologica e la zona sottostante il viadotto Clarea dell'autostrada A32. Inoltre un centinaio di abitanti della Val Susa che contestano la realizzazione della ferrovia ad alta velocità hanno dato vita a un presidio di protesta di fronte alla centrale elettrica di Chiomonte.

"NON E' UN PROBLEMA DI ORDINE PUBBLICO" - In Val Susa "non è una questione di ordine pubblico" secondo il Coordinamento Liste Civiche dei comuni della valle, che fa sapere di aderire alla manifestazione No Tav prevista per il 30 di luglio da Giglione a Chiomonte. Per il coordinamento delle liste civiche, "le ragioni di chi é contrario all'opera sono ampie e motivate e mirano a tutelare la valle, ma anche l'economia italiana e i servizi al cittadino". "Crediamo giusto - afferma il coordinamento - continuare nel nostro lavoro di amministratori delle liste civiche, quindi al di fuori della 'casta', mettendo in atto ogni iniziativa amministrativa e legale per contrastare quest' opera inutile e dannosa ed anche partecipando a manifestazione non organizzate da noi", continua la nota che prende così distanza dall'invito del sindaco Pd di di Sant'Antonino di Susa, Antonio Ferrentino, di non aderire alla manifestazione di sabato.

PERQUISIZIONI - La Digos della Questura di Torino ha effettuato circa 10 perquisizioni nelle abitazioni di elementi ritenuti vicini all'area anarchica, dopo i disordini avvenuti la scorsa notte nell'area del cantiere della linea ferroviaria Torino-Lione alla Maddalena di Chiomonte. Due delle perquisizioni - comunica la Questura - sono state disposte dalla procura della Repubblica; le altre sono scattate per iniziativa degli investigatori. Una balestra, due fionde e alcune maschere antigas sono state sequestrate.
 
(ANSA)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Come sarà l’inverno in Piemonte? Arriva la neve a dicembre? Risponde il meteorologo di 3bMeteo

Torna su
TorinoToday è in caricamento