menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presidio No Tav nella notte: falò, slogan e lancio di fumogeni

Dimostrazione nella notte vicino la recinzione del cantiere. Circa 150 attivisti hanno acceso un falò e intonato slogan contro le forze dell’ordine e contro l’opera

Serata movimentata ma tutto sommato tranquilla quella appena trascorsa in Valsusa. Oltre 150 attivisti del movimento No Tav si sono radunati a Giaglione per fare una “passeggiata notturna” e raggiungere le recinzioni del cantiere in cui si sta costruendo l’opera dell’alta velocità che collegherà Torino a Lione.

Il lungo serpentone non è riuscito però ad arrivare a destinazione perché sulla strada hanno trovato i dispositivi di sicurezza delle forze dell’ordine. Un’ordinanza prefettizia ha infatti vietato il transito in alcune zone e queste sono state “protette”.

I No Tav hanno quindi dato vita a un presidio, accendendo un falò e intonando slogan contro polizia e opera. Questo è durato sino a mattina. Per evitare che gli attivisti aggirassero il blocco dello stradone principale inerpicandosi sui sentieri, le forze dell'ordine si sono servite del lancio di lacrimogeni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento