No Tav, ampliamento del cantiere e proteste: diretta

Mattinata molto movimentata a Chiomonte per via dell'ampliamento del cantiere in cui si lavorerà per la linea ad alta velocità. Decine e decine gli attivisti del movimento No Tav presenti sul posto, a rischio tensioni

Questa mattina sono cominciati i lavori per l'ampliamento del cantiere di Chiomonte con l'installazione di alcune reti di recinzione da parte degli operai della Ltf. La Questura fa sapere che l'area in cui si opererà a partire da questa mattina è d'interesse strategica nazionale, così come lo è la baita della Clarea, il luogo simbolo della protesta No Tav.

LA DIRETTA DA CHIOMONTE

ORE 14.20 - Dopo la statale 25 e l'autostrada A32 Torino-Bardonecchia, i manifestanti No Tav hanno bloccato anche la strada statale 24 del Monginevro, in Val Susa

ORE 14 - Alberto Perino, leader dei No Tav, accusa una lentezza eccessiva nel soccorrere questa mattina Luca Abbà dopo la caduta dal traliccio

ORE 13.20 - L'autostrada A32 Torino-Bardonecchia è stata chiusa in entrambe le direzioni per la presenza degli attivisti No Tav all'altezza di Borgone e Susa. Lo si apprende dalla Questura di Torino

ORE 13.10 - In Val Clarea è arrivato il pm Giuseppe Ferrando che, con la Polizia, sta ascoltando una serie di testimoni, tra agenti e No Tav, per ricostruire l'incidente di questa mattina

ORE 13.06 - Davanti all'ospedale Cto di Torino si sono riuniti un gruppo di No Tav e alcuni amici di Luca Abbà. Il prossimo bollettino medico - ha reso noto il Cto - sarà diffuso con una conferenza stampa alle 18:30

ORE 12.45 - Luca Abbà è stato sedato e messo in coma farmacologico. Presenta un trauma da precipitazione e un trauma cranico, un focolaio contusivo occipitale, ovvero un livido nel cervello, secondo quanto riferito dal Cto

ORE 12.06 - Occupata dai No Tav anche l'autostrada A32 Torino-Bardonecchia, nei pressi di Bussoleno, nella carreggiata che porta verso l'Alta Valsusa e il tunnel del Frejus

ORE 11.56 - Un centinaio di manifestanti No Tav hanno bloccato la statale 25 della Val Susa nei pressi di Bussoleno

ORE 11.50 - In Val Susa sta per arrivare il pm Giuseppe Ferrando. La Procura della Repubblica ha infatti aperto un'inchiesta sull'incidente che ha coinvolto il manifestante Luca Abbà

ORE 11.21 - La Baita in Val Clarea, simbolo dei No Tav, è stata isolata con dei sigilli e i manifestanti che si trovavano all'interno questa mattina sono stati interrogati

ORE 11.15 - Secondo i legali del movimento No Tav, intervistati dall'Ansa, l’occupazione dei terreni del cantiere di Chiomonte a fini di esproprio costituisce "una vera e propria emergenza democratica" contro cui "presenteremo immediato ricorso al Tar del Piemonte"

ORE 11.10 - Prime decisioni: alle 13 i No Tav saranno in piazza Castello a Torino per protestare sotto la Prefettura

ORE 11.05 - Decine di No Tav, tra cui Sandro Plano e il consigliere regionale Davide Bono, si sono riuniti a Giaglione per decidere le forme di proteste. Unanime il commento tra gli attivisti "Quando succede una disgrazia tutti i cantieri vengono chiusi"

ORE 10.52 - Alla protesta dei No Tav si unisce la Confederazione di base di Torino che ha indetto uno sciopero generale provinciale contro l'esproprio dei terreni in Val Susa

ORE 10.50 - Luca Abbà è stato portato subito in sala operatoria al Cto. Secondo quanto si apprende "è stato colpito da elettricità a media tensione. Muove le gambe, è cosciente e orientato, sospetta lesione interna con versamento, vasta emorragia interna, probabili fratture sterno e costole, ustioni di secondo grado”.

ORE 10.45 - Inviata una lettera al Prefetto di Torino da parte di Sandro Plano, il presidente della Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone. Chiesta la sospensione degli espropri

ORE 10.38 - Numerose le segnalazioni del blocco delle forze dell'ordine del lato del cantiere che va verso Ramats

ORE 10.30 - I No Tav si riuniranno in assemblea alle 11.30 a Bussoleno, alla rotonda di Vernetto, per prendere alcune decisioni

ORE 10.23 - Quello di stamattina non si tratterebbe di un incidente secondo il leader del movimento No Tav, Alberto Perino: "Luca (Abbà, ndr) è gravissimo, un attacco premeditato. Ora bisogna resistere"

ORE 10.15 - Il manifestante caduto dal traliccio è arrivato in elicottero al Cto di Torino

ORE 10 - Il sito notav.eu avvisa che è "importante evitare autostrada: già chiusa a Susa ed in chiusura ad Avigliana"

ORE 9.20 - Un manifestante No Tav, Luca, è caduto da un traliccio su cui era salito per protestare contro gli espropri. Le sue condizioni sono gravi

ORE 8 - E' in corso lo sgombero della baita, luogo simbolo della protesta contro l'alta velocità in Valsusa. "Nessuna violenza - scrivono da notav.eu -  sembra verranno semplicemente riportati a Giaglione, intanto stanno chiudendo l'accesso ai sentieri non so esattamente a che altezza, Luca  (Abbà, ndr) ha raggiunto la baita e si è arrampicato su un traliccio a 10 metri, i rocciatori si stanno organizzando con le corde per andare a prenderlo. Invita tutti a raggiungere la baita, ma dai sentieri, o a trovarsi da Genio , a Giaglione, per tentare di raggiungere insieme la baita dai sentieri"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento