rotate-mobile
Cronaca Chiomonte

No Tav, ancora tensioni in Val di Susa. Tagliate le recinzioni dai manifestanti

Altra domenica di contestazioni fuori dal cantiere della Maddalena. Mamme, bambini e amministratori locali hanno sfilato, mentre un altro gruppetto ha provato a tagliare la recinzione

Ad una settimana dagli scontri a Chiomonte, ieri è andato in scena un altro capitolo della querelle. Il cantiere della Maddalena ha visto una nuova sfilata di manifestanti nella mattinata: un gruppetto contenuto composto anche da mamme, bimbi e amministratori della valle. A presidiare il sito polizia e carabinieri. Qualcuno però si è staccato dal gruppo andando a tagliare la recinzione del cantiere in più punti. Recinzione prontamente riparata comunque, probabilmente era una provocazione perché nessuno dei No-tav ha provato ad entrare nel cantiere e anzi dopo poco hanno lasciato la zona.

La provocazione maggiore è stata sferrata nel pomeriggio. Un'ottantina di persone, tutte con il volto scoperto, hanno dapprima tagliato le reti della recinzione con cesoie e pinze e successivamente hanno colpito i piloncini creando uno squarcio di una cinquantina di metri. Anche questo è rimasto un colpo non andato a fondo, perché i No-tav dopo un'oretta hanno abbandonato il cantiere.

Tutto si è svolto sotto gli occhi attenti della polizia, distante una trentina di metri dai manifestanti. Le forze dell'ordine non sono dovute intervenire anche se ora i manifestanti rischiano una denuncia per danneggiamento. Non basterà questo a fermarli però, perché continueranno a gridare in tutti i modi il loro dissenso alla tav, soprattutto ora che il progetto è stato inserito a titolo definitivo tra i progetti dell'Europa.

 

NO TAV, CRONACA DELLE ULTIME SETTIMANE

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav, ancora tensioni in Val di Susa. Tagliate le recinzioni dai manifestanti

TorinoToday è in caricamento