menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasloco del Suk bloccato dall'Arpa, la querelle continua: "Scegliete un'altra area"

Ora toccherà alla Conferenza dei servizi, in programma per il prossimo 13 maggio, decidere se il piano predisposto dalla proprietà - che prevede appunto la ripavimentazione a fronte di possibili inquinanti nel terreno - è sufficiente a garantire sicurezza

Non si ferma la querelle relativa al trasferimento - ora bloccato - del mercato del libero scambio dall'ex Scalo Vanchiglia di Regio Parco alle ex Officine Grandi Motori. Dopo che l'Arpa ha predisposto uno stop alle operazioni di trasloco per le opportune verifiche circa il possibile inquinamento del suolo sottostante le ex Ogm, la questione è balzata in Sala Rossa.

Secondo la società Essenlunga - a fronte di un'analisi - il perimetro sarebbe idoneo a ospitare il Suk con la sola pavimentazione in cemento, pur essendo già pronto un piano di bonifica in vista della realizzazione di un complesso di verde pubblico. Come affermato dall'assessore al Commercio Mangone, ora toccherà alla Conferenza dei servizi, in programma per il prossimo 13 maggio, decidere se il piano predisposto dalla proprietà - che prevede appunto la ripavimentazione a fronte di possibili inquinanti nel terreno - è sufficiente a garantire sicurezza. Intanto, i proprietari dell'ex Scalo Vanchiglia hanno disposto - per il Suk - la proroga per l'utilizzo del perimetro sino alla fine del mese di giugno.

"Si affermava che le ex Ogm fossero pronte e utilizzabili - ha detto in Sala Rossa, Vittorio Bertola dei Cinque Stelle -. Poi salta fuori che ci sono problemi di inquinamento, come sostenevamo dall'inizio. Mi chiedo cosa accadrà dopo il mese di giugno, quando non si potrà più utilizzare per il Suk l'area di Scalo Vanchiglia".

Un bel problema anche perchè, dal canto loro, residenti e comitati non mollano la presa. Alle ex Ogm, il mercato del libero scambio non lo vogliono. L'idea, appoggiata peraltro, dalla maggioranza, è quella di scegliere già da subito un'altra area per poter trasferire il Suk.

"E' impensabile che chi abbia deciso di portare lì il suk non si sia accertato prima dell’area sulla quale costruire - afferma Fabrizio Ricca della Lega Nord -. Chiedo di aprire un tavolo con il Consiglio comunale per individuare una nuova area per il mercato di libero scambio e che se lo spostamento fosse confermato, gli assessori restituiscano le deleghe".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento