rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022

Il prof che tentò di rapire la bimba al bar di Torino Centro non può essere processato: era incapace di intendere al momento dei fatti

Lo ha stabilito una consulenza psichiatrica, per lui si prospetta anche il trasferimento dal carcere a una struttura idonea

Il professore 57enne che lo scorso 30 settembre 2021 tentò di rapire una bambina di nove mesi all'interno del Palm Lounge Bar di corso Regina Margherita angolo corso XI Febbraio a Torino (dove è stato girato il video che riproponiamo) non era capace di intendere e di volere al momento del fatto e, anzi, non può stare in carcere ma deve essere detenuto in una struttura psichiatica. Lo ha stabilito una consulenza disposta dalla procura di Torino, che indaga sull'accaduto, e depositata dallo psichiatra Gabriele Rocca in vista dell'udienza in programma lunedì 10 gennaio 2022 davanti al giudice per le indagini preliminari Stefano Vitelli. È stato quest'ultimo, ricevuto lo studio, a emettere una misura di isolamento di sette giorni nel penitenziario delle Vallette, dove è detenuto da allora, propedeutico al trasferimento in un luogo più consono alle sue condizioni di salute mentale. Il professore è difeso dagli avvocati Alberto Metallo e Valentina Zancan. È pressoché certo che la procura chiederà l'archiviazione dell'inchiesta, proprio perché un processo si concluderebbe inevitabilmente con l'assoluzione dell'imputato.

Video popolari

Il prof che tentò di rapire la bimba al bar di Torino Centro non può essere processato: era incapace di intendere al momento dei fatti

TorinoToday è in caricamento