Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Aurora / Canale dei Molassi

Il suk abusivo dimezzato. Niente area di libero scambio a San Pietro in Vincoli

La Città di Torino sta pensando di accontentare i residenti che il mese scorso si sono rivolti al Tar. Una decisione promossa anche dal gruppo del Pdl

L’esposto al Tar ha dato i suoi frutti. La Città di Torino, infatti, si prepara a ridurre l’area di libero scambio di borgo Dora che ogni sabato tocca sia il Canale dei Molassi sia il piazzale di San Pietro in Vincoli. Questo è ciò che è emerso dall’incontro tra i cittadini di Porta Palazzo e gli assessori alle Periferie e al Commercio del Comune di Torino Ilda Curti e Giuliana Tedesco.

Un confronto produttivo che porterà interessanti novità, già a partire dai prossimi mesi. Sono stati necessari ben nove anni di abusivismo commerciale per convincere il Comune ad allontanare i banchi dal piazzale e ad accorparli nel solo Canale dei Molassi. “Prepareremo nei prossimi giorni una delibera per ridurre l’area del mercato tra via Andreis e piazzale San Pietro in Vincoli – dichiara l’assessore Tedesco -. Da parte nostra c’è la piena volontà di aiutare queste persone. Non abbiamo la bacchetta magica ma lavoreremo sodo con la questura per contenere il problema cercando, in seguito, soluzioni di lungo periodo”.

Niente più occupazioni selvagge delle piazzole dal venerdì sera alla domenica, niente più cianfrusaglie, rifiuti e degrado nei pressi del vecchio cimitero devastato dalla sporcizia e dalle scritte degli anarchici. E questa, senza ombra di dubbio, può essere considerata la prima grande vittoria dei cittadini della zona. “La sospensione del mercato è per noi un motivo di profonda gioia – spiega uno dei residenti del borgo Dora -. Finalmente dopo anni di battaglie riavremo i posti per le auto. Quei posti che ci spettano di diritto. E tutto questo senza dover litigare con gli abusivi”.

Soddisfatti per le novità in arrivo sono anche il consigliere comunale del Pdl Andrea Tronzano e il capogruppo del Pdl in circoscrizione Sette Franco Poerio. “Le proposte degli assessori competenti, se mantenute, risolveranno un problema annoso – chiosano Tronzano e Poerio -. Siamo felici per i cittadini ma allo stesso tempo perplessi per la disinformazione presente tra i banchi della circoscrizione Sette. Nessun membro della giunta, infatti, era al corrente di tali cambiamenti e questo per noi è davvero inaccettabile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il suk abusivo dimezzato. Niente area di libero scambio a San Pietro in Vincoli

TorinoToday è in caricamento