Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Madonna di Campagna / Via Borgaro, 95

L'uxoricidio che non ti aspetti: "Lui era un magazziniere irreprensibile e parlava sempre bene della moglie"

La coppia aveva due figli

Nicoleta Grigoras, maestra romena di 38 anni, e Cezar Hrimiuc, magazziniere aeroportuale (lavorava per la Blue Air a Caselle) suo connazionale di 46 anni, si erano sposati soltanto nel maggio 2015 ma convivevano da tempo e avevano due figli di 12 e quattro anni. Poi, è stata probabilmente la gelosia ad accecare l'uomo portandolo ad assassinarla brutalmente a coltellate nel loro appartamento al quinto piano del palazzo di via Borgaro 95 la notte di venerdì 22 giugno 2018.

Eppure sembravano una famiglia felice. L’ultima foto che Nicoleta aveva postato sul suo profilo mostrava la famiglia al completo al Colle del Nivolet la domenica precedente, il 17 giugno. Cezar abbracciava la moglie insieme ai figli sotto il cartello che mostra l'altitudine del valico tra Piemonte e Valle d'Aosta.

"Lui - racconta un vicino di casa - usciva presto per andare a lavorare e lasciava a Nicoleta la macchina per poter accompagnare il figlio più grande a scuola. Sembravano due bravissime persone. Si erano ben integrate e parlavano entrambi molto bene l'italiano". Un collega di Hrimiuc, dipendente della Blue Air, dove anche lui lavorava da un anno prima di essere arrestato per l'assassinio della consorte, lo descrive come un dipendente irreprensibile. "E parlava sempre bene della moglie", aggiunge.

Nicoleta lavorava come assistente nella scuola La Nidiata di via Coppino 152. Ora la piangono tutti i colleghi di lavoro, che he avevano apprezzato le qualità professionali e morali. Spesso in casa con i bambini c'era sua madre che veniva a darle una mano. Il più grande ha assistito all'assassinio. Ora sono stati affidati al fratello di lui.

Hrimiuc, accusato di omicidio premeditato dal pm Paolo Toso, che coordina le indagini eseguite dalla squadra mobile della questura, nega di avere voluto uccidere intenzionalmente la moglie e sostiene di avere avuto un'allucinazione vedendo lei con il coltello in mano e di avere voluto difendersi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'uxoricidio che non ti aspetti: "Lui era un magazziniere irreprensibile e parlava sempre bene della moglie"

TorinoToday è in caricamento