Cronaca Barriera di Milano / Via Sempione

Nell’ex Scalo pioggia di rifiuti e atti vandalici. Sgomberi neanche a parlarne

Immondizia lungo il vecchio trincerone abbandonato, auto devastate. E poi danni alle porte anti-abusivi e roghi. I residenti non ne possono più ma di prese di posizione neanche l'ombra

Stanze trasformate in discariche a cielo aperto e altre adibite a dormitorio. L'ex Scalo Vanchiglia dei corsi Novara e Regio Parco continua a far parlar di sé. Ancora una volta non per i futuristici progetti di trasformazione della zona ma per il continuo viavai dei disperati tra i locali abbandonati. Basta buttare un occhio tra le finestre aperte dei vecchi capannoni per scorgere una quantità incredibile di rifiuti, sparsi in lungo e in largo. Accanto ai locali pieni zeppi d'immondizia hanno trovato casa una decina di extracomunitari che hanno sigillato le finestre con delle assi di legno e delle coperte nel tentativo di non dare troppo nell'occhio. Un tentativo fallito presto.

Quasi tutti nella zona sanno ciò che si sta verificando all'interno dell'ex Scalo. Come denunciato più volte dal capogruppo del Pdl della circoscrizione Sei Domenico Garcea. “A seguito delle segnalazioni di alcuni cittadini ho presentato diverse interpellanze – dichiara Garcea -. Quella zona è diventata preda del degrado. Di giorno ci sono gli abusivi mentre di sera sono le lucciole le uniche padrone dei marciapiedi”. Come se non bastasse nelle scorse notte ignoti personaggi hanno appiccato il fuoco ad alcuni pneumatici, cavi di rame e altro materiale velenoso abbandonato tra gli alberi e i cespugli. La vista delle fiamme e l'odore acre di fumo hanno creato molto malumore nel quartiere Regio Parco e nel borgo Rossini.

Alcuni residenti di corso Novara si sono persino svegliati con un forte mal di testa. Ancora una volta il difficile sarà scovare i colpevoli anche se la presenza di così tanti abusivi nello scalo lascia più di un dubbio. A denunciare l'accaduto e a chiedere lo sgombero degli occupanti dei locali abbandonati sono stati i residenti della zona. “La puzza di fumo ci ha svegliato – dichiara Attilio -. Sicuramente gli autori di questo ennesimo scempio sono gli zingari che da mesi hanno trovato casa tra i ruderi del vecchio scalo. L'unica cosa che si può fare è segnalare il caso alle forze dell’ordine”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nell’ex Scalo pioggia di rifiuti e atti vandalici. Sgomberi neanche a parlarne

TorinoToday è in caricamento