Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Cenisia / Via Dante di Nanni

Dopo la festa, i rifiuti. Strade e cassonetti sommersi dalla spazzatura

Scartati i regali di Natale e stappata l'ultima bottiglia, rimangono i rifiuti. Da borgo San Paolo ad Aurora, scopriamo che la crisi non ha avuto la meglio su doni e cenone

La crisi? Non c’è. Almeno, a giudicare da quanto si può vedere per le strade di Torino: cassonetti stracolmi di imballaggi, cartoni, bottiglie e resti del cenone. Ieri mattina, in alcune zone più di altre, la situazione era pressappoco questa: bidoni pieni, pienissimi, come raramente si vede.

Una passeggiata per borgo san Paolo rendeva bene l’idea: nell’area finale di via Di Nanni i bidoni straboccavano. In Via Martiniana, via Carrù e via Pollenzo i cassonetti erano così colmi da obbligare i residenti a depositare i loro sacchetti sul marciapiede; lo stesso dicasi per via Revello e dintorni, oltre corso Peschiera. Ma non andava meglio nemmeno dall’altra parte della città: traBarriera di Milano e Regio Parco uno spettacolo simile si poteva notare in via Pergolesi, via Bologna, corso Taranto. E poi Aurora e l’area attorno a Porta Palazzo: tra piazza Borgo Dora, via Carmagnola, via Cuneo, via Bra, corso Vercelli e il lungo Dora la situazione era sempre la stessa. E inutile dire che anche in molti casi i marciapiedi erano ingombri di ogni genere di schifezze e cianfrusaglie, tanto da essere intransitabili. Un po’ meglio è andata per il Centro, santa Rita, Pozzo Strada e Mirafiori Nord, dove non si sono registrate situazioni particolarmente eclatanti.

Tra i cassonetti c’era un po’ di tutto: dalla carta regalo a vecchi giochi per bambini, che evidentemente sono stati gettati via appena arrivato il “ricambio” nuovo. Se l’analisi di quanto depositato in strada non è errata, dunque, i torinesi non hanno rinunciato a regali e cenone.

Prevedendo una situazione del genere, Amiat ha attivato il servizio ormai consueto “Cartoni Natalizi”, per promuovere la raccolta differenziata di carta e cartone, che generalmente sotto le feste vengono gettati via in gran numero. In via accezionale, fino al 27 dicembre i cittadini potranno dunque lasciare i pacchetti e gli imballaggi in carta e cartone, piegati, a fianco degli appositi contenitori. Amiat garantirà un servizio di raccolta aggiuntivo a quello previsto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo la festa, i rifiuti. Strade e cassonetti sommersi dalla spazzatura

TorinoToday è in caricamento