Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Musy, nuova perizia contro Furchì: "Compatibile con l'uomo del video"

In una perizia di tre super-esperti le nuove prove della somiglianza dell'accusato con l'aggressore del professor Musy: le mani e la camminata coincidono

Una nuova perizia ha analizzato le somiglianze tra Francesco Furchì e l'uomo ripreso dalle immagini di sorveglianza che sparò il 21 marzo 2012 al professor Alberto Musy nel cortile della sua casa di via Barbaroux 3, in pieno centro a Torino.

Andrea Lingua, Giovanni Sirtoli  (due professori) e il medico legale Roberto Testi, consulenti del pubblico ministero, tengono a precisare: "Riteniamo che la risposta ai quesiti posti possa essere fornita in termini di buona probabilità ma non di certezza assoluta stante il rifiuto dell'indagato di sottoporsi ad accertamenti antropometrici e di altro tipo proposti al fine di diminuire il margine di errore...".

IL VIDEO DELL'AGGRESSORE

La perizia analizza le dimensioni delle mani di Furchì confrontate con la mano sinistra del dottor Testi: "Tutte le grandezze (di guanti, ndr) misurate sul dito medio della mano sinistra di Furchì sono inferiori di alcuni mm alla mano di confronto... si può quindi concludere che la mano di Furchì è sicuramente più piccola rispetto a quella di confronto che per, un uomo è da ritenere di dimensione mediogrande".

Confrontate anche la camminata dell'aggressore e la camminata di Furchì, per la precisione "il tempo che intercorre tra il primo appoggio del tallone fino al distacco dell'avampiede". "I risultati ottenuti - scrivono gli esperti - permettono di affermare che sia l'attentatore che l'indagato Furchì presentano una anomalia nella dinamica del passo per cui si verifica un appoggio a terra del piede destro di durata apprezzabilmente minore di quanto avviene per il piede sinistrato. La differenza tra il tempo di appoggio del piede destro rispetto al sinistro durante la deambulazione è sostanzialmente analoga tra l'attentatore e il Furchì. La dinamica della camminata risulta molto simile anche in termini quantitativi considerato che: la durata complessiva del singolo passo è analoga, la maggior durata dell'appoggio del piede sinistro durante la deambulazione risultata confermata sia per Casco che per Furchì con valori massimo di 0,12-0,16 secondi, la differenza media dei tempi di appoggio risulta simile tra l'attentatore e Furchì". Possono così concludere: "Pur senza voler fornire dati di valore assoluto si può affermare che il Furchì presenta una deambulazione anomala con caratteristiche qualitative e quantitative analoghe alle anomalie osservabili nella deambulazione di Casco a sostanziale conferma della considerazioni qualitative svolte nella precedente consulenza tecnica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musy, nuova perizia contro Furchì: "Compatibile con l'uomo del video"

TorinoToday è in caricamento