Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

"Chi sa, parli": Angelica Musy affida il suo appello a La Stampa

La moglie del consigliere Alberto Musy, ferito gravemente a colpi di pistola da un aggressore ancora sconosciuto, chiede con una lettera la collaborazione di eventuali testimoni

 

"Chi sa deve parlare": Angelica Musy, moglie del consigliere comunale dell'Udc Alberto Musy gravemente ferito a colpi di pistola il 21 marzo scorso, affida il suo appello, con una lettera, alle pagine torinesi de La Stampa. L'inchiesta non ha finora prodotto risultati sull'identità dell'attentatore e Musy ha riportato lesioni molto gravi.
 
"Ad oggi - scrive Angelica Musy - non sappiamo chi abbia compiuto il gesto orrendo e decisivo per le nostre vite. Perciò mi appello alle madri, alle mogli e a chiunque abbia notato qualche elemento che possa essere d'aiuto agli inquirenti perché si facciano avanti e parlino con chi coordina e segue le indagini in Questura, a Torino".
 
"Il nostro pensiero - confida anche la moglie di Musy - naturalmente è ancorato alle cure da prestare ad Alberto, a quanto e quando potrà tornare tra di noi, alle prospettive che possiamo offrire alle nostre bambine". Anche gli investigatori hanno rivolto appelli simili a possibili testimoni. Nessun finora ha dato un nome al killer, ripreso dalle telecamere, che, con un casco sulla testa e un pacchetto alla mano sinistra, la mattina del 21 marzo in via Barbaroux, nel cortile di casa, ha ferito Musy con cinque colpi di pistola.
 
(ANSA)
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Chi sa, parli": Angelica Musy affida il suo appello a La Stampa

TorinoToday è in caricamento