Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Vallette

Musy, Furchì si difende: "Accusa ridicola, consigliere era un mio amico"

Dopo la seconda notte passata nel carcere delle Vallette, il presunto aggressore di Alberto Musy continua a professarsi innocente

Dopo la seconda notte passata nel carcere delle Vallette, il presunto aggressore di Alberto Musy continua a professarsi innocente. Questa mattina il suo legale, l'avvocato Giancarlo Pittelli, è andato a trovarlo in cella.

"Quella che mi si rivolge è un'accusa ridicola", ha detto all'avvocato Francesco Furchì, il quale ha poi aggiunto di non avere motivi per compiere un gesto tale, nonostante gli investigatori ne abbiano trovate almeno tre, ritenute convincenti dall'accusa. "Musy era un amico - ha aggiunto Furchì -, non avevo nessun motivo per avercela con lui nonostante le delusioni di tipo politico".

Con un'indole violenta e vendicativa, come descritta dal procuratore Gian Carlo Caselli, Francesco Furchì nonostante le ore passate in cella è calmo. "Sono tranquillo ma allibito - avrebbe detto all'avvocato Pittelli, aggiungendo -. Quando si sarà dimostrato che non c'entro nulla, bisognerà chiedermi scusa e riabilitarmi con lo stesso clamore che è stato dato al fermo. Sono deluso perché tutti coloro che fino a poco prima mi hanno sfruttato adesso mi hanno voltato le spalle".

Domani il gip si esprimerà circa la convalida del fermo. L'avvocato Pittelli resta fiducioso e annuncia di essere intenzionato ad andare fino in fondo alla vicenda. "Mi sorprende molto - ha detto dopo avere fatto visita a Furchì in cella - che sia stato utilizzato lo strumento del fermo quando il mio cliente neppure sapeva di essere indagato. La procura avrebbe potuto tranquillamente chiedere la misura cautelare al gip e aspettare la decisione".

Secondo Pittelli, quello adottato dal pm è "un atteggiamento che fa trovare il giudice davanti al fatto compiuto, sottraendogli di fatto l'autonomia decisionale. Sono sicuro, però, che il gip non si farà condizionare da quella che ritengo una valutazione preconfezionata".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musy, Furchì si difende: "Accusa ridicola, consigliere era un mio amico"

TorinoToday è in caricamento