menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Organizzazione dei Musei Reali: le quattro strutture avranno orario unificato

La Galleria Sabauda resterà aperta mezz'ora in più. I Musei Reali aderiscono anche alle aperture serali straordinarie

CGIL CISL e UIL, firmatarie dell’accordo sull’organizzazione dei Musei Reali di Torino ne chiariscono i contenuti.

Con l’accordo siglato lunedì scorso si è definito un orario unificato per tutti gli Istituti dei Musei Reali: 9-19. Precedentemente i 4 musei avevano orari di chiusura diversi, creando non poco disagio ai visitatori. Ora la Galleria Sabauda, una delle più importanti pinacoteche d'Italia, resterà aperta mezz’ora in più rispetto a quanto accedeva precedentemente. La biglietteria dei Musei Reali chiudeva alle 18: con l’accordo la biglietteria chiude sempre alla stessa ora con ultimo ingresso alle 18.

Nessun rischio di chiusure anticipate. Al contrario, i Musei Reali di Torino aderiscono ad aperture serali straordinarie lanciate dal Ministero appositamente per i musei ad autonomia speciale con un apposito “Piano di valorizzazione” carico di eventi per tutto il 2016: tutti i giovedì sera da maggio a dicembre vi saranno prolungamenti serali dei Musei con eventi tematici.

È prevista inoltre l’apertura serale del 21 maggio in occasione della Notte europea dei Musei; quella del 2 luglio per la Festa dei Musei in occasione dell’assemblea generale dell’ICOM; quella del 17 settembre 2016 in coincidenza delle Giornate Europee del Patrimonio. A seguire vi saranno ulteriori proposte e progetti con l’impegno reciproco tra Amministrazione e Organizzazioni Sindacali di qualificare l’offerta e soprattutto il gradimento dell’utenza. 

Il personale dei Musei Reali non è composto di “sorveglianti”, ma di assistenti ed operatori alla fruizione accoglienza e vigilanza con una precisa declaratoria dei profili professionali che attribuisce loro anche compiti di valorizzazione e di educazione al patrimonio (tra di essi vi è personale riqualificato dal MiBACT e formato con soldi pubblici). Non si tratta di incarichi, ma di compiti previsti da profilo professionale. Con l’accordo verranno annualmente individuati (a rotazione) dei lavoratori che potranno dedicarsi “anche” a queste attività garantendo una presenza giornaliera diurna nei musei senza aggravio sui colleghi giacché l’accordo prevede una flessibilità degli orari di lavoro con turni da 6, 9 e 12 ore (H 24).

Un nuovo inizio dunque, all’altezza dei Musei Reali, affinché Palazzo Reale, Galleria Sabauda, Museo di Antichità, Biblioteca e Armeria Reale siano musei vivi, aperti alla cultura. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento