menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Murazzi, approvate le linee guida per l'assegnazione dei locali

Ai concessionari saranno richiesti i lavori di intervento per rendere agibili e a norma i locali, mentre saranno le istituzioni pubbliche e le aziende partecipate a ripristinare i servizi di illuminazione e i regolari allacciamenti per le utenze

Inizia a comporsi il percorso che porterà, secondo quanto annunciano da palazzo Civico, alla riapertura dei Murazzi. Le arcate sul P, per anni meta del divertimento dei torinesi,  hanno avuto un rinnovato impulso dal lancio del provvedimento presentato questa mattina dall'assessore al Patrimonio, Gianguido Passoni. All'interno del provvedimento vengono definite le linee guida per la concessione, che sarà rinnovabile per sei anni con un rinnovo di altri sei, degli spazi destinati alle attività commerciali. 

Il nuovo Piano Integrato d'Ambito dei Murazzi, sarà al vaglio della Giunta nei prossimi giorni, per poi passare alla votazione in Consiglio comunale. Mentre l'amministrazione annuncia che per l'estate si potranno avere di nuovo i Murazzi come protagonisti delle notti torinesi, quindi la pubblicazione del bando di assegnazione dovrebbe avvenire antro il mese di marzo. 

Ci sono delle precise prescrizioni di carattere tecnico all'interno delle linee guida approvate dalla Giunta. In queste viene delineato il modo per garantire lo svolgimento più sicuro delle attività commerciali e sociali. Le indicazioni sono il frutto del lavoro della Conferenza dei Servizi, che vede coinvolti, oltre agli uffici comunali, la Soprintendenza ai beni Architettonici e Paesaggistici, la AslTo1, Città Metropolitano , Smat, Regione Piemonte, Iren, Aem Distribuzione e Amiat.  Con la collaborazione di Iren e a spese della Città di Torino è stata prevista la realizzazione di impianti tecnologici e servizi all'interno di una o più arcate, con locale contatori, cabina elettrica, centrale idrica e locali per la raccolta dei rifiuti, con un costo totale di circa 650mila euro. 

Previsto anche, nel piano di rilancio dei Murazzi, un nuovo impianto energetico che sia in grado però di integrarsi esteticamente con la Torino ottocentesca. Il costo stimato di questa installazione che prevede l'utilizzo di lampade a LED, ad esclusione dei corpi storici illuminanti, sarà di circa 450mila euro. Saranno anche installati lampioni intelligenti attivati dal passaggio delle persone e una rete di libero accesso ad internet in wi-fi. Saranno invece a cura dei concessionari la realizzazione degli impianti e delle opere necessarie a rendere i locali idonei al loro utilizzo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento