Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca Borgo Vittoria / Via Stradella

Caos multe, la rivolta dei commercianti: "Così fate scappare i nostri clienti"

"Il Natale occupa il 50% del fatturato annuale di un’azienda" dichiarano i negozianti che chiedono maggiore tolleranza

Il recento caso di borgata Campidoglio

Le continue multe ai danni dei cittadini hanno convinto i commercianti ad appellarsi al Comune di Torino, chiedendo maggiore comprensione per aiutare le attività.

Ci sono vie, strade o addirittura quartieri di Torino dove trovare un posto per l’auto sembra davvero una “mission impossible”. E la sanzione, spesso, è dietro l’angolo.

Peccato che sotto Natale il problema diventi doppio. “Non ci sono parcheggi – lamenta un esercente -. E la gente, se prende una multa per aver lasciato l’auto in divieto due minuti, poi non torna più”.

Dopo la rivolta dei residenti contro i vigili al Borgo Campidoglio in molti stanno portando avanti il motto “Più parcheggi e meno multe”.  Sia in periferia che nelle zone centrali.

Chiedere per esempio ai commercianti di via Stradella, via Borgaro o via Chiesa della Salute. “Il Natale occupa il 50% del fatturato annuale di un’azienda – racconta il presidente dell’associazione commercianti di via Stradella, Vito Gioia -. Se il cliente non ha la possibilità di fermarsi finisce che ci abbandona in favore della grande distribuzione. Serve un piano per trovare nuovi parcheggi, le multe in questo senso non aiutano”.

I clienti dei negozianti finiscono per essere le vittime di questa storia. Un problema che si trascina anche nelle domeniche dello shopping, da San Salvario a Vanchiglietta e da Madonna di Campagna a Barriera di Milano. “Sotto il periodo natalizio il Comune incentiva le multe e nessuno ne esce sano e salvo” tuonano da corso Giulio Cesare, chiedendo fino alla fine delle festività maggiore tolleranza contro la malasosta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos multe, la rivolta dei commercianti: "Così fate scappare i nostri clienti"

TorinoToday è in caricamento