Cronaca Nizza Millefonti / Via Nizza, 230

Alta velocità, niente multe fino a marzo per chi viaggia in piedi su Frecciarossa e Italo

Lo ha deciso L’Autorità dei Trasporti nei confronti di Trenitalia e Ntv. Pendolari soddisfatti dopo le tante polemiche 

Tre mesi di respiro per i passeggeri. L’Autorità dei Trasporti ha infatti deciso di sospendere fino a marzo le multe per quei pendolari che ogni giorno viaggiano in piedi sui treni ad alta velocità.

Una “raccomandazione” che arriva a Trenitalia e Ntv direttamente dagli uffici del Lingotto, dove ha sede l’Autorità dei Trasporti, ma a cui i gestori dei treni Frecciarossa e Italo difficilmente non si conformeranno, specie dopo le tante polemiche scoppiate per le multe ricevute da chi non aveva prenotato il proprio posto a sedere. Non solo. Fino al 10 gennaio è aperta, sul sito dell’Autorità, una consultazione pubblica dove tutti potranno partecipare portando le proprie proposte e osservazioni. 

Quali saranno le prossime tappe? Intanto è già stata fissata, per il 16 dicembre, una riunione presso la sede del Lingotto dove le varie parti interessate – Autorità, enti, gestori e comitati – discuteranno per trovare una soluzione. Allo stesso tempo l’Autorità ha avviato un procedimento sul contenuto minimo dei diritti dei passeggeri con biglietti prepagati – inclusi gli abbonamenti – che si concluderà il 1 marzo. 

Infine, l’Autorità ha precisato che i gestori dei treni si dovranno calibrare a quella che è considerata “l’offerta minima adeguata” per soddisfare la domanda dei pendolari, solitamente molto alta nelle ore di punta – le fasce del mattino dalle 6 alle 9 e alla sera dalle 17 alle 20. Questo dopo che Trenitalia aveva deciso per la limitazione degli abbonamenti a 160mila tessere a partire da gennaio. 

Felici della decisione i pendolari, che attendono ora le azioni correttive da parte di Trenitalia e Ntv. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta velocità, niente multe fino a marzo per chi viaggia in piedi su Frecciarossa e Italo

TorinoToday è in caricamento