Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Notte boia a San Salvario, concerto di tamburi sveglia i residenti: è di nuovo polemica

Con l'arrivo della bella stagione torna il problema della movida. Il video del presidente dell'Associazione Commercianti San Salvario che riprende un concerto di tamburi in piena notte

Tamburi e schiamazzi in piazza Saluzzo, nel cuore di San Salvario e anche della notte. Sono, infatti, le 3.30 di venerdì sera e i locali sono già chiusi. Dopo una nottata passata all'insegna della movida - complice le prime temperature primaverili che invogliano al bivacco all'aria aperta - un gruppo di ragazzi è rimasto, compatto, ad ascoltare alcuni musicisti di strada, incitandoli nel loro piccolo concerto di "trombe e tamburi".

Malgrado il disagio che il rumore naturalmente crea ai residenti, la volante della Polizia Municipale, passa oltre, senza intervenire."Sono dovuto intervenire io - afferma sulla sua pagina Facebook, la stessa dove ha postato il video, Yankuam Sartoretto, presidente dell'Associazione Commercianti San Salvario -. Il 113 non ha mandato volanti, i vigili non sono scesi dalla loro auto. La gestione dell'ordine pubblico dev'essere affidata a chi? Solo all'iniziativa dei cittadini?".

Il video: la Munipale passa oltre >>

Parole forti, ma senz'altro dirette al punto. Sì, perchè se molto è stato fatto per regolamentare e, in qualche modo, arginare il fenomeno della movida - alle volte anche penalizzando gli stessi locali - altrettanto, resta ancora nelle mani della movida stessa e del suo buon senso.

"Sono senza parole - afferma Mario Cornelio Levi, presidente di Circoscrizione -. Nonostante i nostri sforzi, le nostre segnalazioni e i nostri inviti all'attenzione del problema, molto dipende dalla sensibilità dei singoli, nonostante gli ordini precisi dei vertici".

La bella stagione, iniziata proprio in queste settimane, porterà con sè i soliti problemi relativi al bivacco in strada, ai rifiuti e ai cocci di bottiglia lasciati sui marciapiedi. Alcune vie sono state approvate: dal prossimo giugno dovrebbe diminuire notevolmente il problema parcheggi, con strisce gialle per i residenti e navette gratuite per chi decida di sostare nel Padiglione 5 di Torino Esposizioni.

Ma la "gatta da pelare" degli "incivili", resta un punto dolente. Lo scorso anno un'ordinanza che aveva penalizzato i locali. Quest'anno?

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte boia a San Salvario, concerto di tamburi sveglia i residenti: è di nuovo polemica

TorinoToday è in caricamento