rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Chieri / Piazza Europa

“Ho perso mia moglie nel tragitto”, ma lei non è mai salita in moto

L'uomo l'aveva dimenticata a Moncalvo d'Asti, ma solo una volta giunto a Chieri si è accorto dell'assenza della consorte

Tanto, tantissimo spavento per un motociclista distratto che dopo aver percorso 40 km si è accorto di non avere la moglie al seguito. L’aveva dimenticata a Moncalvo d’Asti, domenica 18 giugno, ed era ripartito alla volta di Chieri dove, quando è arrivato, si è accorto dell’assenza della consorte.

Preso dal panico ha chiamato i carabinieri: “Ho perso lungo il tragitto mia moglie e non posso chiamarla perché il suo cellulare è rimasto nel bauletto della moto”. I militari hanno raggiunto l’uomo in piazza Europa e hanno tentato di calmarlo cercando di ricostruire quanto accaduto.

Mentre il 59enne spiegava la situazione ai militari della Aliquota Radiomobile della Compagnia di Chieri l’uomo ha ricevuto una chiamata da parte di un numero sconosciuto: dall’altra parte del telefono era la moglie.

La donna, 58 anni, dopo essersi fatta prestare un cellulare da un passante ha informato il marito che era ripartito in moto da solo dimenticandosi di lei nell’ultima sosta effettuata a Moncalvo d’Asti. Il marito distratto è poi tornato indietro a recuperare la moglie.
  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Ho perso mia moglie nel tragitto”, ma lei non è mai salita in moto

TorinoToday è in caricamento