menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Muore un giovane e sui social scrive: "Un terrone in meno da mantenere", 42enne condannato

Dovrà pagare 1.000 euro

Condannato l’operaio 42enne di Settimo Torinese che aveva utilizzato un profilo falso per un commento razzista. Dopo la morte di un ragazzo siracusano, il 17enne Stefano Pulvirenti deceduto dopo 23 giorni di agonia a seguito di un incidente stradale, l’uomo aveva commentato su Facebook - utilizzando un profilo falso-: “Sono felicissimo, un terrone in meno da mantenere". L'episodio era venuto alla luce dopo la denuncia di alcuni amici della vittima.

Nel post il condannato aveva aggiunto: “Quando vedo queste immagini e so che nella bara c’è un terrone ignorante, godo tantissimo. Peccato che ero al Nord altrimenti avrei c... su quella bara bianca". 

 Il gesto gli è valso una condanna per diffamazione, aggravata da odio razziale. L’operaio ha patteggiato una condanna a 1.000 euro, oltre alle spese processuali. Il procedimento ora passerà in sede civile con una richiesta di risarcimento. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento