Tragedia in via Fidia: bambino di due anni muore soffocato

Gli è andato di traverso un pezzo d'anguria che stava mangiando. La tragedia è avvenuta vicino piazza Massaua: vittima un bambino di soli due anni

Una tragedia che si è consumata in via Fidia, a pochi metri da piazza Massaua, che ha come vittima un bambino di due anni.

David A. è morto soffocato mentre mangiava una fetta d'anguria. Quando un pezzo del frutto gli è andato di traverso i genitori hanno chiamato i soccorsi che lo hanno trasportato d'urgenza al Pronto Soccorso dell'ospedale Martini. Qui il piccolo è arrivato già in gravi condizioni e in arresto cardiorespiratorio.

I medici hanno tentato il possibile per salvarlo, ma non c'è stato nulla da fare, ogni tentativo è risultato vano. E' stato il papà a raccontare ai medici che il figlio stava mangiando dell'anguria quando si è sentito male. Secondo i medici, l'occlusione alle vie respiratorie potrebbe essere stata favorita dalla grave patologia alla trachea di cui il piccolo soffriva dalla nascita.

La direzione dell'ospedale Martini ha disposto l'esame necroscopico, a scopo conoscitivo, per appurare le cause della morte del bambino. Soltanto nel caso venissero riscontrate anomalie gli atti verranno trasmessi alla procura di Torino.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Gravissimo incidente in autostrada: un morto e sei feriti, tratta chiusa tre ore

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento