Cronaca Via Elio Guarnotta, 29

Giallo di Ivrea, uomo ucciso con un colpo di pistola da macellaio

Novità dopo l'autopsia eseguita dal medico legale. Il 43enne sarebbe morto agonizzando. Ma non è ancora chiaro se si tratti di omicidio o suicidio

Colpo di scena nella morte di Ionel Agraviloei, il romeno di 43 anni trovato morto ieri mattina nel suo alloggio al secondo piano di via Guarnotta 29, ad Ivrea. Dopo l’autopsia eseguita dal medico legale Roberto Testi si è capito che il foro in testa, profondo diversi centimetri, sarebbe stato provocato da una pistola di quelle usate per macellare gli animali.

L'arma è stata trovata in casa. Ad un primo esame, va ricordato, il medico legale aveva liquidato la questione archiviandola come una morte naturale nonostante il sangue ritrovato nell'appartamento. Ballano dunque due ipotesi: omicidio o suicidio.

L’uomo, all’inizio di questa storia, aveva denunciato la scomparsa della moglie. Ma la polizia di Ivrea non era riuscita a trovarla. Poi il colpo di scena con la visita degli agenti a casa di Agraviloei, ormai morto. In casa sangue sparso ovunque. L’idea è che l'uomo abbia vagato a lungo prima di stramazzare in cucina. Aperta però anche l’ipotesi suicidio. Proprio per il ritrovamento dell’arma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giallo di Ivrea, uomo ucciso con un colpo di pistola da macellaio

TorinoToday è in caricamento