Cronaca

E' morto Renato Dulbecco: aveva 98 anni

Biologo, medico e genetista italiano, vinse il premio Nobel per la medicina nel 1975. Antifascista, entrò a far parte del CLN della città di Torino, diventando anche membro della giunta popolare del sindaco Giovanni Roveda

E' morto Renato Dulbecco, dopodomani avrebbe compiuto 98 anni. Biologo, medico e genetista italiano, vinse il premio Nobel per la medicina nel 1975.

Nacque a Catanzaro ma studio alla facoltà di medicina dell’Università di Torino, città con cui instaurò un legame strettissimo. Antifascista, entrò, infatti, a far parte del CLN della città di Torino, diventando anche membro della giunta popolare guidata dal sindaco Giovanni Roveda.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale si trasferì negli USA. Le sue ricerche all’Università di Bloomington, nell’Indiana, e presso i prestigiosi California Institute of Technology (Caltech) di Pasadena, l’Istituto di virologia di Glasgow e infine il Salk Insitute di La Jolla in California, lo portarono a scoprire il meccanismo d’azione dei virus tumorali nelle cellule animali. Questa scoperta gli valse il Nobel.

In seguito si immerse in un nuovo colosso della scienza moderna: il Progetto Genoma, con l’obiettivo di identificare tutti i geni delle cellule umane e il loro ruolo, in modo da comprendere e combattere concretamente lo sviluppo del cancro. Se oggi sappiamo che i tumori sono malattie dai mille volti e che il primo bersaglio per aggredirli é il loro Dna il merito è di Renato Dulbecco, il pioniere delle ricerche sulla genetica del cancro.

Nell’apprendere poco fa la notizia della scomparsa di Renato Dulbecco, il Sindaco di Torino Piero Fassino ha rilasciato la seguente dichiarazione:

"E’ con grande tristezza che apprendo la notizia della morte di Renato Dulbecco. Premio Nobel della medicina nel 1975, con lui scompare la figura di uno scienziato eminente, padre delle ricerche italiane sulla mappa del Dna e del Progetto Genoma universalmente riconosciuto e apprezzato quale pioniere delle ricerche sulla genetica del cancro e nel campo delle tecnologie biomediche”.

“Ai torinesi il professor Dulbecco è una figura particolarmente cara. Di natali calabresi, nella nostra città si laureò alla Facoltà di Medicina nel 1934 seguendo i corsi dell’anatomista Giuseppe Levi insieme a Salvador Luria e Rita levi Montalcini. Prima di intraprendere definitivamente la carriera nei laboratori scientifici, ebbe parte importante nella vita politica torinese – sottolinea il Sindaco -. Dulbecco entrò a far parte della Giunta popolare comunale, presieduta dal Sindaco Giovanni Roveda, in qualità di assessore il 18 luglio 1945 mantenendo l’incarico fino alle elezioni dell’inverno 1946. Nell’aprile del 1995 ricevette in Sala Rossa la cittadinanza onoraria. Giungano alla famiglia le sincere condoglianze mie personali e della Città di Torino”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto Renato Dulbecco: aveva 98 anni

TorinoToday è in caricamento