Cronaca

Va a ritirare la moto tanto attesa, ma in auto muore per infarto

Pierfranco Costamagna è morto mentre si trovava in provincia di Imperia alla guida di un furgone su cui avrebbe caricato la moto tanto sognata. Dopo settimane la trattativa era andata in porto, ma un malore improvviso ha strappato l'uomo alla vita

Era un appassionato di moto e per avere quella che desiderava più di tutte aveva avviato una trattativa conclusasi positivamente con un privato della provincia di Imperia. C'erano volute diverse settimane perché andasse in porto, ma alla fine ce l'aveva fatta. Il sessantenne Pierfranco Costamagna, semplicemente Peter B per gli amici a due ruote, era partito un paio di giorni prima della firma del passaggio di proprietà della moto insieme alla compagna Cinzia Cappa che avrebbe sposato a settembre.

Quella tanto attesa motocicletta però Peter B non è mai riuscito a raggiungerla. Arrivato in Liguria avrebbe dovuto raggiungere alcuni amici a Triora per fare un paio di giorni di mare. Mentre attraversava il Colle di Nava però Pierfranco Costamagna è stato colto da un malore improvviso, un infarto fulmineo.

Era alla guida di un furgone, quello che sarebbe servito per portare la moto a Cuorgné, paese in cui era residente e in cui lavorava all'Agenzia delle Entrate. Stroncato sul colpo, al volante è dovuta intervenire la compagna, prima che il mezzo finisse in un burrone.

Peter B è arrivato ad un passo dalla moto per cui aveva tanto faticato. Gli amici ora lo vogliono pensare che cavalca quella due ruote tra le nuvole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va a ritirare la moto tanto attesa, ma in auto muore per infarto

TorinoToday è in caricamento