Imprigionato nei meccanismi di una mietitrebbia: tragica morte di un agronomo

In un'azienda agricola

Un agronomo italiano di 52 anni di Pancalieri, Renato Cavaglià, è rimasto ucciso nella mattinata di oggi rimanendo imprigionato in una mietitrebbia durante le operazioni di manutenzione del macchinario. E' accaduto in un'azienda agricola di via Podi, 21 a Virle Piemonte, di cui lo stesso Cavaglià era il titolare. 

Ad accorgersi del decesso sono stati alcuni lavoratori dell'azienda quando ormai non c'era più nulla da fare. I sanitari del 118 intervenuti sul posto non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Per liberare il corpo è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Moncalieri e gli ispettori dello Spresal dell'Asl To5, a cui competono le indagini sull'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Dieta, metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunciare ai propri alimenti preferiti

  • Maestra licenziata per il video hard, la lettera di 200 giornaliste: "Grazie per aver denunciato: la vittima sei tu"

Torna su
TorinoToday è in caricamento